È pronto

“Da quanto tempo stava correndo in mezzo a quegli alberi estranei e verso direzioni sconosciute?
I piedi scalzi, trafitti dalle asperità del terreno accidentato, avevano preso da un bel po’ a sanguinare, a farle male. Ormai le mancava il respiro.
Ma non si poteva permettere di arrestarsi. Neanche per una breve sosta. Continua a leggere

Scorpacciata da Eataly

Si fermò solo un attimo, a lasciarsi incantare dalla fascinazione color zaffiro che si affacciava dalla finestra del terrazzamento: l’azzurro limpido e intenso del rettangolo del mare, che sfumava e digradava fino a confondersi, alla linea dell’orizzonte, con un cielo altrettanto limpido e intenso.
Si riscosse quasi subito.
Per quanta straziante bellezza potesse provenire, quella mattina, dallo spettacolo del lungomare di Bari, non era certo quello il momento più adatto per essere invaso da furori estetici. Continua a leggere